Sabato, Dicembre 15, 2018
Text Size

Guadagnare con Essens è legale in Italia!

Spesso, quando si parla di sistemi basati sul network marketing con qualcuno, sia esso un amico o un semplice conoscente, la frase più comune che ci si si sente rivolgere è più o meno "è una fregatura", "vogliono spillarti soldi", "guarda che è illegale" e altre affermazioni dello stesso tenore. Il fatto è che la cattiva fama dei tipo di sistemi non è ingiustificata, ma è necessario fare delle precisazioni perché ad essere illegali sono solo le catene di Sant'Antonio, mentre gli schemi di multi-level marketing sono perfettamente legali e permettono guadagni reali senza complicazioni, come appunto quello di Essens. Entriamo nel dettaglio e cerchiamo di capire davvero come stanno le cose.

 

Catene di Sant'Antonio e Multi-level Marketing: parliamo della stessa cosa? NO!

Fino a pochi anni fa erano molto in voga le cosiddette catene di Sant'Antonio, vere e proprie trappole che, a fronte di promesse di guadagni fantasmagorici, finivano puntualmente col rivelarsi dei clamorosi buchi nell'acqua. Il funzionamento era più o meno quello classico: dopo aver pagato una quota iniziale, ogni partecipante doveva far iscrivere il più alto numero di persone (in genere, amici e parenti) ottenendo poi una commissione. I soggetti reclutati, a loro volta, dovevano pagare per entrare nel business e reclutare altre persone (per le quali avrebbero ricevuto delle commissioni), e così via. Un'altra caratteristica consisteva nel fatto che nessuno dei partecipanti sapeva dove finissero i soldi e che la maggior parte dei partecipanti perdeva il capitale investito senza alcun guadagno. Le commissioni promesse per il reclutamento di nuovi iscritti, infatti, ben presto divenivano impossibili da riscuotere a causa del progressivo allargamento del numero dei partecipanti. Il risultato era che a guadagnarci erano solo gli iniziatori della catena, mentre chi si trovava sui gradini inferiori restava con il classico pugno di mosche.

Uno degli esempi di catene di Sant'Antonio più famosi della storia è stato quello che ha visto protagonista il finanziere statunitense Bernie Madoff che, grazie a una serie di spregiudicate operazioni e promettendo un rendimento costante ai propri finanziatori, mise in piedi una truffa di dimensioni colossali (del valore di circa 50 miliardi di dollari), causando gravissime perdite anche a vip e istituti bancari. Madoff, in pratica, usando quello che in gergo è stato rinominato Schema di Ponzi (dal nome del suo inventore) riuscì a farsi prestare miliardi di dollari in cambio della promessa di rendimenti più bassi della media ma costanti, quindi, senza il rischio di perdite in seguito al ribasso dei mercati.

In realtà, i soldi prestati a Madoff non venivano investiti in quote azionarie, ma usati esclusivamente per pagare gli interessi ai prestatori. Nessuno si accorse di alcuna anomalia finché l'affare non si allargò fino al punto da diventare non più sostenibile: Madoff non riuscì più a pagare neanche gli interessi e appena si sparse la voce il sistema crollò senza appello. Questo è uno dei motivi per cui nel nostro paese gli schemi piramidali e le catene di Sant'Antonio sono illegali.

Diversa è invece la situazione se parliamo di Multi-level Marketing o di Network Marketing. Queste forme di schema, in primo luogo, sono completamente legali perché non si basano soltanto sull'attività di reclutamento di nuovi partecipanti, ma prevedono anche delle forme di vendita diretta in cui l'utente può far valere le proprie capacità. Inoltre, mentre nelle catene di Sant'Antonio la partecipazione è possibile soltanto dietro il pagamento di una quota, nel sistema di Multi-level Marketing ideato da Essens nessuno è obbligato all'acquisto. Potete benissimo entrare, farvi un'idea di come funzionano le cose e solo dopo procedere all'acquisto dei prodotti: nessuno, quindi, verrà da voi a chiedervi dei soldi nel momento in cui vi iscriverete. Infatti, secondo l'articolo 5 della legge 173 del 2005, sono illegali tutte quelle attività che promettono guadagni solo in cambio del reclutamento di nuovi affiliati. Inoltre, secondo l'articolo 6 è espressamente vietato imporre ai soggetti che entrano a far parte di attività di questo genere un pagamento senza che vi sia una reale controprestazione o come condizione per rimanere affiliati.

Ricapitolando, quindi, nelle catene di Sant'Antonio troviamo:

- pagamento obbligatorio per la partecipazione

- promesse (spesso non mantenute) di guadagni

- obbligo di reclutare altre persone per guadagnare

- alla fine, a guadagnare è solo chi sta al vertice e fa partire la catena

- tutti gli altri partecipanti non guadagnano nulla

- sono sistemi illegali

Nel Multi-level Marketing di Essens, invece:

- nessun obbligo di spesa: potete iscrivervi gratuitamente e se non vi piacciono le condizioni potete abbandonare quando volete

- l'attività non si fonda solo sul reclutamento, ma anche sulla vendita diretta

- grazie al sistema di provvigioni previste dal Piano Marketing potrete partecipare ai guadagni globali dell'azienda

- nessun problema con la legge, il Multi-level Marketing è legale

- nessuna promessa di guadagno, ma saranno solo le capacità di ogni partecipante a risultare decisive

- sistema fondato su un complesso di provvigioni crescenti e cumulative